SI AVVICINA L’OPEN DAY!!!

TUTTO E’ PRONTO O QUASI PER L’OPEN DAY DI VENERDI 27 SETTEMBRE AL TEATRO STERNA DI QUARONA.

QUASI 200 FOTO PER LA GALLERIA FOTOGRAFICA, VIDEO E IMMAGINI PER RIPERCORRERE GLI ULTIMI ANNI DELLA NOSTRA ATTIVITA’…

MA SOPRATTUTTO LABORATORI GRATUITI PER TUTTI, VECCHI E NUOVI ISCRITTI; A PARTIRE DALLE ORE 17.15 LA PRESENTAZIONE DEI CORSI  CON IL LAB. DI GIOCADANZA PER PASSARE ALLA DANZA PROPEDEUTICA CLASSICA E MODERNA…

AD APRIRE IL POMERIGGIO UN INTERESSANTE INCONTRO SUL TEMA “BENESSERE E DANZA ” TENUTO DALLA DOTT.SSA  ANNARITA MASIERI, LAUREATA IN PSICOLOGIA CLINICA; DA ANNI SI OCCUPA DI TEMATICHE RELATIVE ALL’AUTOCONSAPEVOLEZZA, ALLA REALIZZAZIONE PERSONALE, ALLE MODALITA’ DI RELAZIONE INTERPERSONALE E ALLA GESTIONE DELLE DINAMICHE DI GRUPPO. ULTIMAMENTE LA DOTT.SSA MASIERI HA INDIRIZZATO IL PROPRIO INTERESSE VERSO I DISTURBI DI COMPORTAMENTO ALIMENTARI APPROFONDENDO LA TRATTAZIONE DELL’ARGOMENTO ATTRAVERSO STUDI E RICERCHE SCIENTIFICHE, INOLTRE E’RESPONSABILE ALLA “CULTURA E AL TEMPO LIBERO” PER IL COMUNE DI QUARONA.

A TUTTI I PARTECIPANTI SARA’ OFFERTA LA MERENDA DALLE ORE 16.30 PER DARE IL VIA ALLE ATTIVITA’ !!!!!

LA GIORNATA E’ APERTA A TUTTI; FAMILIARI, AMICI, “VECCHIE GLORIE” PER POTER RIVIVERE QUESTI 13 ANNI E A TUTTI COLORO CHE VOGLIONO AVVICINARSI ALLA DANZA, CONOSCERE, CAPIRE, VEDERE… E PER TUTTI QUELLI CHE HANNO VOGLIA DI DIVERTIRSI A PASSO DI DANZA OVVIAMENTE!!!!!!

 

Annarita Masieri, Dott.sa in psicologia clinica

Annarita Masieri, Dott.sa in psicologia clinica

Jula Cagnoli, Direttrice e insegnante di Danzarte

Jula Cagnoli, Direttrice e insegnante di Danzarte

 

 

Annunci

L’utilizzo delle punte nella danza classica…quando e perchè…

da    http://danceit.org/Punte.html

Che cosa si rischia andando sulle punte troppo presto?

È così difficile dire ad una giovane ballerina desiderosa che non è pronta per andare sulle punte, ma a volte è necessario. Gli insegnanti affrontano una pressione tremenda da parte dei genitori e allievi per mettere in punta ragazze molto giovani e impreparate.
Le ossa del piede non sono pienamente sviluppate, rinforzate ed indurite fino all’adolescenza. Naturalmente c’è moltissima variazione tra una bambina e l’altra. Se una giovane ballerina tenta il lavoro sulle punte senza la forza e la tecnica adeguata, è possibile che danneggerà permanentemente quelle ossa non sviluppate. Il movimento e il peso corporeo generano moltissima forza.
Se l’allieva ha abbastanza resistenza e tecnica, e se l’introduzione al lavoro sulle punte è graduale e fatto sotto il controllo dell’insegnante, tutto dovrebbe andare benissimo.

A che età si può andare sulle punte?

L’allieva dovrebbe avere almeno 10 ½ anni e aver studiato danza per almeno due anni, e avere una preparazione tecnica ed un allenamento sufficiente.

 

 Come si può capire se un’allieva è pronta per andare sulle punte?

Per essere sufficientemente allenata per affrontare il lavoro, dovrebbe studiare almeno tre volte la settimana senza fare assenze frequenti. Non deve essere sovrappeso. Deve essere abbastanza responsabile da portarsi tutto il materiale necessario per la lezione, compreso tutto quello che serve per legare i capelli. Deve sapere mantenere la corretta postura e avere forza nell’en dehors. Dovrebbe sapere usare il plié, fare 16 relevées in quinta in centro e mantenere l’equilibrio in relevé passé sulle mezze punte.

 

 Come cominciare ad andare sulle punte?

L’anno prima che le allieve andranno sulle punte, un insegnante attento dedicherà un certo tempo all’interno della normale lezione di danza classica agli esercizi specifici per i piedi e le punte. Una volta che le allieve hanno imparato perfettamente gli esercizi, infilano le scarpe da punta ed effettuano alcuni brevi e lenti esercizi alla sbarra. Quando hanno acquisito più sicurezza useranno le scarpe da punta per l’intera lezione.

 

E’ utile fare pratica sulle punte a casa?

Quando s’inizia ad andare sulle punte, è molto meglio lavorare nella sala di danza sotto la supervisione dell’insegnante. Altrimenti è facile prendere delle abitudini sbagliate che sono difficili da correggere, oppure farsi male. Si può ammorbidire le scarpe a casa indossandole senza salire sulle punte, o fare degli esercizi per migliorare il piede senza andare in punta

 SANYO DIGITAL CAMERA

 

 

I benefici della danza classico-accademica

La danza classico-accademica è una vera e propria disciplina, in quanto essa richiede: concentrazione, attitudine, impegno, volontà, e forza fisica. Tutti questi requisiti, assieme, influiscono notevolmente sia sull’aspetto fisico, di chi pratica questa disciplina, e sia sul carattere. Si può dedurre da ciò, che numerosi sono i benefici che la danza classica offre, a coloro che assiduamente si dedicano ad essa.

1 Uno dei benefici principali si ottiene sul fisico, più precisamente sull’asse corporeo. Infatti, la danza accademica favorisce una giusta postura, in quanto, grazie al continuo lavoro dei muscoli dorsali e delle spalle, la colonna vertebrale si allunga. Inoltre le varie posizione che una ballerina deve assumere, durante l’esecuzione degli esercizi, costringono la colonna a restare in asse, evitando la comparsa di malattie quali: scoliosi, cifosi, e lordosi.

2 Ulteriori benefici si hanno proprio sulla parte estetica del fisico. Il continuo e duro allenamento consente lo sviluppo di muscoli che normalmente le persone utilizzano poco.Polpacci e cosce, grazie agli esercizi alla sbarra e al centro, si rassodano e delineano in poco tempo. Anche i glutei subiscono l’effetto della danza classica, infatti anche se apparentemente non sembra, i glutei sono fondamentali per l’equilibrio, e per la rotazione delle anche, quindi di conseguenza sia il grande che il piccolo gluteo lavorano intensamente.La danza classico-accademica inoltre è consigliata dagli specialisti per la correzione di diversi disturbi quali : piedi piatti, scapole alate, scoliosi, dislivello del bacino e più in generale tutte le patologie riguardanti la postura patologie riguardanti la postura.

3 La parte superiore del corpo, in particolare le braccia si rassoda.  Infatti, già le prime posizioni della tecnica classica richiedono il giusto sforzo, che permette l’allungarsi dei muscoli degli arti superiori. Inoltre se si inizia a praticare danza classica da bambini, si acquisisce una grande elasticità dei legamenti, importantissima per il mantenimento del tono delle fibre muscolari.  Tutti questi benefici , è bene sottolineare, che si hanno solo esclusivamente nelle persone che si dedicano a questa disciplina assiduamente, e in modo corretto.

4 Dopo aver trattato i benefici fisici, si può passare a quelli che riguardano la personalità. I numerosi passi e le tante regole, che ballerini e ballerine devono eseguire, e rispettare nelle scuole di danza, favoriscono la formazione di una personalità, o meglio di una carattere preciso e disciplinato. Infine, come tutte le altre tipologie di danza, quella accademica favorisce l’integrazione e il socializzare, soprattutto tra i bambini, e anche tra gli adolescenti, che si divertono, ma contemporaneamente seguono un percorso formativo.

 

Fantasia Painting (2) 70cb7e4f-865d-4a62-9060-be78e48d5d1a